CSS: come sovrascrivere uno stile inline

CSS: come sovrascrivere uno stile inline

Chi mastica un po’ di CSS saprà bene che esiste un preciso ordine d’importanza relativo ai vari stili, ordine che decide quale prendere in considerazione nel caso in cui sia specificato più di uno stile per un determinato elemento HTML. Ve lo riporto qui di seguito.

  1. Stile inline
  2. Stile interno ed esterno
  3. Browser

Appare quindi chiaro che lo stile ad avere la priorità assoluta è quello inline. Ciò si traduce con il fatto che quest’ultimo sovrascriverà qualunque altro stile definito per l’elemento in questione, che sia dunque specificato nella pagina HTML all’interno del tag <head> (stile interno), in un foglio di stile a parte (stile esterno), oppure tramite il valore di default del browser.

Continua a leggere

Come realizzare un menu responsive con i soli CSS

Avete mai provato a visualizzare un sito web non ottimizzato per cellulari dal vostro smartphone? Sicuramente non deve essere stata un’esperienza di navigazione molto piacevole, dal momento che sarete stati costretti a “scrollare” continuamente a destra e sinistra per visualizzare i contenuti. Questo fastidioso inconveniente non esisterebbe se il sito in questione fosse stato ottimizzato per la versione mobile. Al giorno d’oggi è infatti possibile ovviare al problema grazie al responsive web design (RWD).

Che cos’è il responsive web design? Si tratta di una tecnologia che consente di progettare siti web in grado di adattarsi graficamente ai dispositivi usati per visualizzarli (cellulari, tablets, smartphones etc..), facendo quindi in modo che i contenuti si adeguino alle diverse risoluzioni e offrendo all’utente un’esperienza di navigazione comoda e piacevole.

 
Dopo aver chiarito in breve in cosa consiste l’RWD e a cosa serve, torniamo allo scopo dell’articolo odierno, che spiegherà come realizzare un menu responsive con l’utilizzo dei soli CSS.

Continua a leggere

HTML5: article e section, qual’è la differenza?

L’HTML5 ha introdotto un mucchio di nuovi tags, molti dei quali di carattere semantico. Tra questi rientrano anche gli elementi article e section, i quali potrebbero aver generato non poca confusione per via delle loro similitudini. Cerchiamo quindi di fare un po’ di chiarezza diradando la nebbia creatasi intorno a questi due tags, spiegando nella maniera più chiara possibile qual’è il loro ruolo all’interno della struttura del documento, e cos’è che li distingue nitidamente.

Continua a leggere

Le novità del CSS3: il Flexbox (seconda parte)

Nella prima parte dell’articolo avevamo discusso del Box Sizing, un’interessante proprietà che ci consente di includere padding e bordi alla dimensione di un elemento, risparmiandoci quindi “la fatica” di dover operare calcoli di sottrazione al fine di far apparire un elemento esattamente delle larghezza e altezza da noi specificate. Se hai trovato utile la novità del Box Sizing, probabilmente quella del Flexbox ti farà ancora più gola. Essa rappresenta infatti con tutta probabilità il futuro dell’impaginazione, il nuovo modo di strutturare i web layouts. Nel corso del tempo questo compito è stato affidato a proprietà sempre più moderne, spesso non progettate allo scopo primario di definire un layout, basta pensare al floating oppure al posizionamento degli elementi.

Continua a leggere